Navigare Facile

La storia di Borgo San Lorenzo

Le origini del borgo

Importante centro commerciale e strategico, i primi insediamenti della zona del Mugello, sono indubbiamente antichissimi.

Nel II secolo i Romani occuparono la zona, creando il borgo di Anneianum, durante il medioevo, furono gli Ubaldini ad averne il possesso e nel X secolo passò nelle mani del Vescovo fiorentino.

Fu teatro della guerra tra guelfi e ghibellini, e nel 1351 vennero edificate le mura cittadine, di cui oggi rimangono solo i resti e le due porte maggiori, Porta dell'Orologio e Porta Fiorentina.
Nel 1440 il borgo fu invaso da Nicolò Piccinino, ma non venne conquistato; nel periodo del Granducato, l'amministrazione comunale si rimodernizzò.
Per volontà del Re Vittorio Emanuele II, la cittadina di Borgo San Lorenzo entrò a far parte del Regno d'Italia.

Nel 1906 venne fondata una manifattura da Galileo e Chino e Chini, che si occupava della creazione di vasi, boccali, oggetti in ceramica e rivestimenti di tipo edilizio.

Il borgo è stato protagonista delle prima Esposizione Agricola Industriale Mugellana e della Val di Sieve nel 1913.